Domande, testimonianze e consigli sul sentiero costiero di Marsiglia

Avete già fatto un'escursione nel Parc National des Calanques vicino a Marsiglia? Oppure pensate di fare un'escursione lungo la costa?

Allora aspettiamo i vostri commenti, consigli, suggerimenti o domande!

24 Commenti

  1. Salve, in allegato i nostri appunti sull'escursione lungo la vostra descrizione dal 10.04.-14.04.2019.

    Prima dell'escursione:
    Arrivo e partenza in TGV da/per Stoccarda in circa 8 ore e per un totale di circa 100 € altamente raccomandato!
    Per prima cosa abbiamo trascorso due notti a Marsiglia e abbiamo visitato la città. Il "Vieux Port", la zona del museo e il quartiere "Le Panier" (la città vecchia) sono particolarmente degni di nota. Vale anche la pena di salire alla "Notre-Dame de la Garde", da cui si gode di una splendida vista.

    Fase 1
    Abbiamo iniziato a circa 6 km a est dell'hotel descritto "Key Largo", poiché il nostro Airbnb si trovava tra Bandol e Sanary-sur-Mer. Ci è piaciuto particolarmente il "Sentier du Littoral", ancora relativamente pianeggiante. Pertanto, la prima tappa è stata nel complesso molto fattibile.

    Fase 2
    Questa tappa attraversa esclusivamente l'entroterra, principalmente su sentieri di ghiaia relativamente larghi - meno spettacolari delle altre tappe. Durante la discesa verso La Ciotat, bisogna fare attenzione ad abbandonare per tempo il sentiero di cemento per imboccare un sentiero a sinistra, che offre un'esperienza escursionistica più piacevole (come orientamento: qui, circa 50 m dopo la svolta, c'è un'auto in rovina sul lato sinistro nel bosco). Dopo aver sceso la maggior parte dei metri di altitudine nel bosco, si deve attraversare la piccola valle su uno dei numerosi sentieri il più direttamente possibile. Si consiglia di svoltare a sinistra all'incrocio a T.

    Fase 3
    Questa tappa colpisce per la straordinaria vista sulla costa. Il sentiero escursionistico si snoda principalmente lungo il bordo delle scogliere. Poiché la strada "Route des Crêtes" si snoda anche lungo la costa, si attraversano ripetutamente parcheggi di osservazione dove molte persone si riposano.
    La destinazione della tappa - Cassis - è già molto affollata e turistica in aprile, il che si riflette anche sui prezzi degli alloggi.

    Tappa 4 - la nostra preferita
    Prima della tappa, abbiamo ricevuto consigli utili per la tappa successiva dal proprietario dell'ostello in cui abbiamo alloggiato. Abbiamo quindi abbandonato due volte il GR 51 e scelto i sentieri 4 e poi 8 che corrono direttamente lungo la costa. Entrambi i sentieri sono segnalati a colori e numericamente (anche sulle carte escursionistiche della regione).
    La deviazione per il 4 si trova in un'insenatura da attraversare a circa 30 m a sinistra del GR 51. Alla fine del sentiero, si incontra nuovamente il GR a un grande incrocio (segnaletica disponibile). Se si decide di prendere il sentiero 8, si deve tenere la sinistra in una piccola discesa e abbandonare di nuovo il GR. Alla fine dell'8, si finisce anche di nuovo direttamente sul GR. Il sentiero 8 era molto più faticoso del sentiero 4 e comprendeva passaggi più piccoli simili a quelli della via ferrata (nessuna paura delle altezze! Richiede forza!). Dopo la ripida salita, la ricompensa è stata un tratto relativamente pianeggiante con una vista fantastica. Il sentiero conduce per lo più direttamente lungo la scogliera. Entrambi i sentieri, pur comportando chilometri e metri di dislivello in più, erano poco frequentati e quindi assolutamente consigliabili dal nostro punto di vista.
    Possiamo anche raccomandare vivamente la sistemazione descritta in "Les Baumettes"!

    Fase 5
    Questa tappa attraversa la parte più frequentata delle Calanques, soprattutto nella seconda parte. Qui ci sono numerose baie dove è possibile fare il bagno. La facile via ferrata corrisponde alla descrizione della pagina.

    Nel 03/2018 abbiamo già percorso il sentiero lungo la Costiera Amalfitana descritto da Frank. In confronto, l'escursione nei pressi di Marsiglia è meno impegnativa, poiché i metri di altitudine da affrontare sono sensibilmente meno. Ci sono piaciuti molto entrambi e raccomandiamo regolarmente il vostro sito agli amici appassionati di escursioni! :)
    Grazie mille per aver creato il sito web. Abbiamo un grande rispetto per lo sforzo che c'è dietro le descrizioni dettagliate e non vediamo l'ora di fare altri tour!

    Saluti solari da Marsiglia
    Sandra e Levin

    • Ciao Sandra e Levin!
      Grazie mille per il tuo resoconto dettagliato! Sei il primo a commentare qui e, per quanto ne so, sei anche il primo a essere ispirato da noi a fare questa escursione costiera. Per questo sono ancora più felice che vi sia piaciuta l'escursione e i nostri consigli! Soprattutto se siete "escursionisti abituali" e siete già stati sul Costiera Amalfitana si può giudicare abbastanza bene :-)
      Hai ragione sulla seconda tappa: è meno spettacolare delle altre. Ma l'esperienza escursionistica aumenta enormemente con le tappe 3, 4 e 5. Ecco perché non consiglierei mai di fare l'escursione nella direzione opposta.
      Per quanto riguarda la quarta tappa e le piccole "deviazioni" con i sentieri costieri 4 e 8: immagino che tu intenda gli incroci con i sentieri tratteggiati poco dopo il km 3. sulla mia carta (sentiero n. 4) e poco prima del km 6 (sentiero n. 8). E' così?
      Tanti saluti da Amburgo!
      Frank

  2. Ciao!
    Attualmente stiamo tornando a casa dalla Provenza e la scorsa settimana abbiamo provato il percorso che hai descritto. Prima di tutto: ci è piaciuto molto, la nostra febbre da escursione costiera si è risvegliata! Grazie anche per i dati GPS, così è davvero impossibile perdersi :)
    Informazioni sui palcoscenici:
    La tappa 1 è stata la nostra preferita! I panorami sono fantastici, la sosta per il bagno subito dopo la metà del percorso è perfetta!
    La seconda tappa non ci ha entusiasmato in termini di zona, ma abbiamo accettato la sfida sportiva;)
    Tappa 3: Non abbiamo avuto un tempo così bello, ma possiamo immaginare che la vista sia spettacolare in una giornata limpida! A proposito, non si può fare affidamento sulle informazioni turistiche di La Ciotat: all'arrivo a Cassis, contrariamente alle informazioni di La Ciotat, si è scoperto che il sentiero era in realtà chiuso. A Cassis abbiamo fatto il bagno, fantastico!
    La tappa 4 è davvero fenomenale in termini di paesaggio, ma per le persone un po' più sensibili all'altitudine è piuttosto ripida. Per questo motivo - e perché volevamo più tempo per nuotare - abbiamo preso una scorciatoia nella quinta tappa, dall'ultima Callanque un po' più avanti fino a Les Goudes, e da lì in barca fino a Marsiglia. La traversata costa 8€ p.p. ed è un ottimo modo per concludere il tour; la tappa di 10 km su sentieri per lo più facili lascia davvero il tempo di nuotare.
    Grazie ancora per le vostre descrizioni, senza le quali probabilmente non avremmo scoperto il sentiero e ci saremmo persi una grande esperienza! Abbiamo già sfogliato il vostro sito web per vedere cosa vogliamo fare dopo :)
    Saluti dal treno!
    Ute

    • Ciao Ute,
      Grazie mille per il vostro feedback! Anche noi abbiamo appena fatto un'altra escursione (non vi dico ancora dove), per cui vi rispondo con molto ritardo.
      Ho inserito nella descrizione il riferimento al collegamento alternativo con il traghetto della tappa 5.
      Tanti saluti da Amburgo
      Frank

  3. Ciao Frank,

    Prima di tutto, grazie per il vostro impegno nel creare un sito web così bello e nel condividere le vostre esperienze.

    L'anno scorso, a febbraio, ho percorso l'itinerario circolare di La Gomera con il mio ragazzo. A causa di un piccolo infortunio, abbiamo dovuto cambiare un po' il percorso e utilizzare in parte un'auto a noleggio, ma siamo comunque riusciti a goderci la bellezza dell'isola e vi siamo grati, perché è grazie a voi che siamo arrivati a questa escursione.

    A fine settembre voglio percorrere il sentiero costiero di Marsiglia, questa volta da sola. Scaricherò i file GPX sia sul mio smartphone (nell'app Osmand) sia su un dispositivo di navigazione esterna Garmin. Tuttavia, poiché queste due opzioni funzionano solo tramite GPS, sono un po' preoccupato per la scarsa ricezione satellitare.
    Quali sono le vostre esperienze in merito? Aveva con sé un'altra carta? In caso affermativo, potreste consigliarmene uno?
    A La Gomera ce la siamo cavata bene senza una mappa. Ma dato che questa volta viaggio da sola, sono un po' più preoccupata di perdermi.

    Tanti saluti dall'Assia,
    Yasemin

    • Ciao Yasemin,
      Grazie per i complimenti al sito web! Penso che con la doppia protezione (due dispositivi abilitati al GPS) siate al sicuro per quanto riguarda l'orientamento. Facciamo escursioni solo con gli smartphone e non abbiamo con noi una mappa stampata. Sul sentiero escursionistico costiero di Marsiglia non ci sono gole estremamente ripide che possano interferire con la navigazione GPS. E anche se ci fosse, probabilmente il materiale cartografico rimarrebbe memorizzato nell'app, anche se il segnale GPS fosse disturbato. Allora perché vi serve di nuovo la carta?
      L'unico rischio che si corre quando si fa un'escursione con uno smartphone è la batteria scarica o la caduta del telefono. Ma è per questo che avete con voi un secondo dispositivo.
      Divertitevi in Francia!
      Frank

  4. Ciao Frank,

    Ho fatto l'escursione a Marsiglia alla fine di settembre e volevo darvi un feedback su alcuni commenti nella vostra descrizione.
    Innanzitutto, il bus navetta dall'aeroporto a Marsiglia St. Charles parte ancora dalla piattaforma 6 e costa ora 10 €. In secondo luogo, il Sentier du Littoral è ancora chiuso dopo circa il chilometro 10 (tappa 1). Ma il bypass ha funzionato bene.
    Nella seconda tappa, ho avuto il problema che al chilometro 7 un camion era fermo sul ciglio della strada senza chiudere la strada. Sul camion c'era un cartello con scritto "Chasse en Cours". A causa della mia scarsa conoscenza del francese e dell'assenza di connessione a Internet, ho continuato senza preoccuparmene. Ho scoperto che il cartello indicava un'attività di caccia e sono dovuto tornare indietro. Esiste una circonvallazione più lunga di circa 500 metri. Non sono riuscito a scoprire se l'operazione di caccia sia stata un caso isolato o se si tratti di un evento regolare in questa zona in questo periodo dell'anno. Forse queste informazioni possono aiutare uno o due futuri escursionisti.

    Nel complesso, devo dire che l'escursione è stata fenomenale! Non posso che concordare con i commenti precedenti per quanto riguarda la priorità delle tappe e vorrei cogliere l'occasione per ringraziarti ancora una volta per il tuo dettagliatissimo resoconto di viaggio e soprattutto per i file GPX che hai fornito.

    Tanti saluti,
    Yasemin

    • Ciao Yasemin,
      Grazie mille per il vostro feedback! Ho appena aggiornato le informazioni sui prezzi del bus navetta e sulla chiusura della tappa 1 ancora in corso. Grazie per questo! Esemplare :-)
      Tanti saluti
      Frank

  5. Ciao Frank, siamo appena tornati dal tour. Purtroppo abbiamo avuto sfortuna con il tempo, ma ci siamo comunque divertiti molto. Grazie mille per il vostro impegno, non c'è bisogno di organizzare molto di più. Con i dati del GPS e i consigli per l'alloggio, ha funzionato perfettamente.
    Tanti saluti da Monaco

  6. Ciao Frank,
    Innanzitutto, grazie per il vostro impegno e la vostra preparazione! Siamo attualmente sul TGV per tornare in Germania e abbiamo fatto l'escursione dal 29 ottobre al 2 novembre. Doveva essere subito dopo la fase di pioggia e maltempo, perché abbiamo avuto davvero tempo asciutto e soleggiato senza eccezioni e siamo riusciti persino a fare il bagno.
    Ecco i nostri commenti per tappa:

    Tappa 1: a causa di un arrivo relativamente tardivo a Bandol, abbiamo trascorso due notti al Key Largo e lo consigliamo vivamente! Abbiamo noleggiato delle biciclette e siamo andati a Sanary-sur-Mer, facendo molti bagni nelle grandi baie lungo la strada. Nella prima tappa dell'escursione abbiamo sbagliato un po' i tempi e siamo arrivati a Saint-Cyr-sur-Mer solo nel pomeriggio. Per fortuna avevamo con noi alcune provviste. Per le persone che, come noi, amano dormire e non sono le più veloci, potrebbe essere importante per la pianificazione. Appena in tempo per il tramonto, siamo arrivati a La Cadiere d'Azur, dove fortunatamente solo un ristorante era ancora aperto (consiglio assoluto a questo punto: La Chaise Bleue) - a causa della bassa stagione e delle imminenti vacanze, tutti gli altri ristoranti erano chiusi nonostante le vacanze scolastiche francesi.

    Tappa 2: Abbiamo accorciato un po' il percorso e lasciato il gr51 poco dopo l'area picnic tra il km11 e il km12 e abbiamo imboccato un altro sentiero che ci ha portato alla fermata dell'autobus (Les Palmiers) in circa 4,5 km. Da lì possiamo prendere l'autobus per il centro storico di La Ciotat.

    Tappa 3: questa è stata l'unica giornata nuvolosa, quindi abbiamo corso in parte tra fitte nuvole e con poca visibilità. Ancora un bellissimo palcoscenico!

    Tappa 4: I primi chilometri fino a Cassis sono stati molto trafficati e ci sono stati alcuni ingorghi nei punti di discesa verso le Calanques. Dopo qualche chilometro, però, la cosa si è persa e abbiamo potuto goderci questa grande tappa "in pace"! Quando siamo arrivati a Les Baumettes, abbiamo scoperto che l'unico ristorante in lungo e in largo (Pizzeria Chez Zé) era chiuso. Così abbiamo ordinato pizza e rosé, che è stato anche un modo molto piacevole di concludere la giornata nell'accogliente Le Garage di William.

    Tappa 5: Anche in questo caso abbiamo accorciato il percorso per poter fare il bagno e soffermarci più a lungo nella splendida baia "Le Belge". Così abbiamo terminato l'escursione al km 8,5 e abbiamo preso l'autobus per Marsiglia.

    Nel complesso, un'escursione davvero fantastica e una pausa finale a Marsiglia è perfetta. Siamo completamente presi e faremo sicuramente altre escursioni sui vostri sentieri!
    Tanti saluti da Katja e Bob

    • Ciao Katja e Bob,
      E' bello che vi siate goduti l'escursione e che abbiate avuto un tempo migliore di quello di Ingrid qualche giorno prima! Grazie anche per il resoconto dettagliato con i numerosi suggerimenti e le idee di scorciatoia - questi troveranno sicuramente uno o due imitatori :-)
      Tanti saluti da Amburgo
      Frank

      • Caro Frank, grazie mille per le tue bellissime descrizioni!!! Ho fatto le escursioni in Costiera Amalfitana e a Malta l'anno scorso e ora tra una settimana partirò verso Marsiglia con un'amica! Ho letto nel commento di Katja che è possibile accorciare la fase 2. Avete per caso maggiori informazioni al riguardo, ad esempio come si chiama l'altro sentiero escursionistico)? Ho cercato un po' su internet, ma non sono riuscito a trovare la fermata dell'autobus "Les Palmiers"....
        Cordiali saluti
        Barbara

  7. Ciao Frank,
    Io e un amico vorremmo fare l'escursione in agosto. È consentito campeggiare lungo il sentiero o al di fuori di esso? Con quale frequenza attraversa i villaggi/città? Ci sono bagni pubblici o caffè per ricaricare il cellulare?
    Saremo molto lieti di ricevere una risposta!:)

    Cordiali saluti
    Anna

  8. Salve,
    Abbiamo percorso il bellissimo e vario tour costiero a metà ottobre 2019 e vorremmo ringraziarvi molto per la grande pianificazione qui. Il tempo è stato davvero piacevole e possiamo solo consigliare il mese di ottobre come periodo adatto per le passeggiate.
    Abbiamo seguito in larga misura il suo suggerimento. Abbiamo unito gli ultimi due tour.

  9. Caro Frank, grazie ancora per le tue ottime indicazioni! Attualmente siamo sul treno che ci riporta in Germania, ci è piaciuto molto il tour. Ecco i nostri commenti sulle singole fasi:
    Tappa 1: La barriera tra il km 10 e il km 11 era ancora presente, ma la recinzione si era spostata e diverse persone l'avevano attraversata. Il supermercato di Saint-Cyr-sur-Mer era chiuso durante il pranzo, quindi la prossima volta prenderemo più acqua. Nel complesso, abbiamo trovato la tappa piuttosto faticosa a causa della lunghezza e delle temperature relativamente alte di quel giorno. La Cadiere d'Azur ci è piaciuta molto. Abbiamo soggiornato al B&B Les Oliviers e possiamo raccomandare vivamente questa struttura.
    Tappa 2: qui abbiamo "accorciato" tornando prima a Saint-Cyr-sur-Mer, passando qualche ora in spiaggia e poi camminando lungo la costa fino a La Ciotat. Il percorso da Saint-Cyr-sur-Mer a La Ciotat, tuttavia, non è molto consigliabile, poiché si cammina per la maggior parte della strada.
    Tappa 3: Molto bella e molto meno faticosa delle altre.
    Tappa 4: Bella tappa, ma da non sottovalutare dal nostro punto di vista per la sua lunghezza - abbiamo pernottato al "Ginkgo" e quindi abbiamo fatto quasi 3 km di cammino in più.
    Tappa 5: purtroppo non siamo riusciti a completarla perché uno di noi non stava bene. Tuttavia, abbiamo preso l'autobus 20 fino al suo capolinea sulla costa e abbiamo fatto un'escursione lungo le Calanques. Il paesaggio è molto bello e gli ultimi due giorni sono sicuramente il punto forte di questa escursione dal nostro punto di vista.
    Cordiali saluti
    Barbara

    • Cara Barbara!
      Grazie per l'ottimo feedback! Sono d'accordo con lei sulle fasi 4 e 5. Quando pianifico l'itinerario, cerco sempre di mettere i punti salienti alla fine del tour. È come una bella commedia che va di atto in atto :-)
      Purtroppo, però, quando si pianifica un'escursione bisogna sempre tenere conto del paesaggio: la tappa 2, quindi, si nota in parte perché è soprattutto il pezzo di collegamento tra la 1 e la 3 ed è meno adatta come escursione a sé stante.
      Mi sono chiesto a lungo se esistesse una variante migliore, ma a quanto pare il modo da lei descritto presenta anche alcuni svantaggi.
      Forse qualcuno ha un'idea migliore?
      Tanti saluti
      Frank

  10. Bonsoir,

    Ho cercato a lungo di randonare in questa moneta ma le GR ne passait assez sur la côte pour moi et le CP pas assez sur les hauteurs.

    Il vostro itinerario li mescola ed è eccezionale su questo punto. Ho fatto la Tolone-Marsiglia dal 10 al 14 ottobre scorso, è stata formidabile. Sono stato sui vostri itinerari 2-3 volte, ma li ho seguiti globalmente, l'equilibrio è ideale tra mare e montagna.

    Come si può notare più in alto, il sentier côtier è coupé par endroits, et visiblement pour longtemps, ce qui implique des détours, parfois long en raison des lotissements privés qu'one ne peut même pas "traverser" - très désagréable d'ailleurs.

    Ho dormito principalmente in camere Airbnb e in alberghi - quello che ho visto negli alberghi è ridicolmente costoso per una grande scelta, in particolare. Consiglio vivamente l'albergo di La Fontasse, a due passi da Cassis. Je me suis perdu en y montant depuis Cassis, le chemin rocailleux est par endroits costaud et invisible, mais ça valait le détour. Vi si trovano numerosi sentieri, e non si può andare da nessuna parte se non a piedi. Il y a des perdrix et des sangliers qui rôdent, c'est superbe.

    Le cap Canaille est incroyablement beau mais assez dur, foudroyant de lumière et de pierre.

    Non ho ancora finito, ma vi ringrazio per questo sito che mi ha convinto a partire.

    Toma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *